Seleziona una pagina

La Basilica Palladiana vicentina accoglie fino all’8 aprile 2018 la mostra senza eguali dedicata al grande pittore olandese, fulcro del più ampio Progetto che comprende la nuova edizione critica delle Lettere, un film originale, uno spettacolo teatrale e una mostra d’arte contemporanea.

Tra le opere in mostra a Vicenza anche il celebre “Campo di papaveri” (olio su tela, 1890).

Van Gogh protagonista a Vicenza di un grande progetto d’arte e cultura. Fulcro è la mostra Van Gogh. Tra il grano e il cielo promossa da Comune di Vicenza e Linea d’ombra, che ne cura anche produzione e organizzazione. Inaugurata il 7 ottobre scorso, rimarrà aperta al pubblico fino all’8 aprile 2018 nella storica cornice della Basilica Palladiana.

La grande esposizione, curata da Marco Goldin, si sviluppa attraverso 129 opere (43 dipinti e 86 disegni) delineando l’intero percorso artistico di Vincent Van Gogh, dai disegni di esordio assoluto al tempo del Borinage in Belgio nel 1880, quando svolgeva la funzione di predicatore laico per i minatori della zona, fino ai quadri conclusivi con i campi di grano realizzati a Auvers-sur-Oise nel luglio del 1890, pochi giorni prima di suicidarsi. Accanto alle opere di Van Gogh, per utili e puntuali confronti, s’incontrano il Seminatore di Jean-François Millet e alcuni dipinti dei pittori della Scuola dell’Aia, che il giovane Vincent guardava con ammirazione, da Israëls ai Maris.

L’allestimento della rassegna è stato pensato come un vero e proprio viaggio anche nei luoghi nei quali Van Gogh ha vissuto: il Borinage, Etten, l’Aia, il Drenthe, Nuenen, Parigi, Arles, Saint-Rémy e Auvers-sur-Oise. Uno dei punti di maggior fascino è la sala nella quale, attraverso un grande plastico di 20 metri quadrati, è stato ricostruito alla perfezione – architetture romaniche e orti e giardini e sullo sfondo la catena delle Alpilles – l’istituto di cura per malattie mentali di Saint-Paul-de-Mausole a Saint-Rémy, il luogo nel quale Van Gogh scelse di farsi ricoverare da maggio 1889 a maggio 1890. Immersione in un luogo sì di sofferenza ma nel quale, e attorno al quale, il pittore ha generato tanta bellezza.

Intorno a questa mostra senza eguali, il curatore ha ideato un più articolato Progetto Van Gogh declinato in diverse e originali forme.

A partire dalla pubblicazione, a cura di Marco Goldin e Silvia Zancanella per le edizioni di Linea d’ombra, delle Lettere, monografia che si pone come fondamentale apporto all’esposizione vicentina, anche perché la scelta è caduta sulle lettere che parlano delle opere in esposizione nella Basilica Palladiana.

Nel Progetto Van Gogh a Vicenza rientra anche un film originale, appositamente creato sulla vita e l’opera di Van Gogh. Van Gogh. Storia di una vita viene proiettato in una vera e propria sala cinema, studiata in ogni dettaglio tecnico e funzionale, all’interno della Basilica Palladiana.

Dall’arte alle lettere, dal cinema al teatro. Per tornare nuovamente all’arte con i quadri di Matteo Massagrande: qualche decina di studi preparatori e sette quadri finali ispirati allo spettacolo teatrale Canto dolente d’amore (l’ultimo giorno di Van Gogh), scritto da Goldin, che vedrà la luce sul finire del 2018.

lineadombra.it

Museo del Gioiello per l’arte e la cultura

Il Museo del Gioiello di Vicenza fa sistema a supporto del territorio e partecipa alle iniziative per la mostra Van Gogh. Tra il grano e il cielo. Per l’occasione sarà possibile visitare il Museo con un biglietto speciale collegato alla mostra sul grande pittore olandese, che comprende anche la visita agli altri Musei Civici di Vicenza: Palazzo Chiericati, Chiesa di Santa Corona e Teatro Olimpico. A conferma dell’attenzione verso importanti iniziative culturali sul territorio, IEG, che gestisce il progetto del Museo del Gioiello in partnership al Comune di Vicenza, ha contribuito all’allestimento della mostra su Van Gogh.

museodelgioiello.it

Vincent Van Gogh between vicenza and the stars

In Vicenza, Van Gogh will be the protagonists of a great project focusing on art and culture. The core will be represented by the exhibition Van Gogh – Between Wheat and the Sky promoted by the Municipality of Vicenza and Linea d’ombra, also in charge of its production and organization. Inaugurated on 7th October, the exhibition will be open until 8th April  2018 in the historic setting of the Basilica Palladiana.

The great exhibition, curated by Marco Goldin, presents 129 works (43 paintings and 86 drawings) outlining Vincent Van Gogh’s entire artistic journey. Around this unparalleled exhibition, the curator has devised a more articulated Van Gogh Project which takes on different and original forms. Starting from the publication, edited by Marco Goldin and Silvia Zancanella, by the Linea d’ombra publishing house, of “Lettere”, a monograph representing a fundamental contribution to the Vicenza exhibition, also because the choice fell on the letters focusing on the works on display in the Basilica Palladiana.

The Van Gogh Project in Vicenza also features an original film specifically commissioned for the event on the life and work of Van Gogh, and the paintings by Matteo Massagrande inspired by the play on the painter which will see the light at the end of 2018.

error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi