Seleziona una pagina

Consolidato successo per uno dei più antichi e prestigiosi festival italiani di musica colta. Bacchette internazionali e blasonate orchestre ospiti dell’Auditorium della Sala della Piazza, spazio attrezzato e confortevole per appassionati di ogni età. Anche in occasione dell’Opera di Capodanno.

La camera acustica dell’Auditorium della Sala della Piazza del Palacongressi di Rimini.

Rimini crocevia internazionale della musica colta. Ogni fine estate la Sagra Musicale Malatestiana, tra i più antichi e prestigiosi festival musicali italiani, apre le sue porte a grandi orchestre sinfoniche, direttori e solisti di pregio, e promuove progetti originali in cui la musica s’intreccia con altre arti.

La 68a edizione della manifestazione, promossa dal Comune di Rimini con il sostegno anche di Italian Exhibition Group, ha confermato le attese, offrendo uno sguardo ricco e variegato sul mondo musicale. Cuore del festival il ciclo di concerti sinfonici ospitati, tra agosto e settembre scorsi, dall’Auditorium della Sala della Piazza del Palacongressi di Rimini gestito da IEG.

L’inaugurazione è stata affidata alla blasonata Academy of St. Martin in the Fields e alla presenza sul podio del direttore e violino solista Daniel Hope, in un programma che ha spaziato tra due capolavori indiscussi come il Concerto per violino e orchestra di Felix Mendelssohn-Bartholdy e la Quinta Sinfonia di Ludvig van Beethoven.

Importante il ritorno a Rimini dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretta da Mikko Franck, che, nel suo nuovo incarico di direttore ospite del celebre sodalizio, ha affrontato due opere emblematiche composte dal finlandese Jan Sibelius come Finlandia e il Concerto per violino – solista Sergey Khachatryan – e la Quinta Sinfonia di Čajkovskij.

Carico di suggestioni il programma con cui il direttore Juraj Valčuha si è presentato alla testa della NDR Elbphilharmonie Orchester accostando i poemi sinfonici di Richard Strauss, Don Juan e Morte e trasfigurazione, alla grandiosa Sinfonia in la maggiore che Mendelssohn volle intitolare Riforma.

Consacrato interamente alla musica russa è stato invece il concerto con cui è tornato alla Sagra Musicale Malatestiana il grande Yuri Temirkanov alla direzione dell’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo con le Danze Sinfoniche di Rachmaninov, precedute dal Concerto per violino di Sostakovic che ha visto impegnata la giovane e talentuosa Leticia Moreno.

A chiudere gli appuntamenti orchestrali un evento speciale: le pagine sinfoniche prescelte da Walt Disney hanno fatto da contrappunto alle immagini del film Fantasia, costruendo così il programma del concerto accompagnato dalla proiezione della celeberrima pellicola in un progetto che ha coinvolto l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna diretta da Christopher Franklyn. Il film rappresenta infatti un capitolo fondamentale, dopo quello delle colonne sonore, della relazione tra immagini e suoni nella storia del cinema e della musica.

Ancora una volta il Palas si è confermato contenitore versatile e all’avanguardia, allestendo un Auditorium completamente attrezzato sotto il profilo scenico, acustico e funzionale.  Mettendo a disposizione di organizzatori e appassionati tutti i propri servizi, alcuni allestiti ad hoc. È il caso dello Spazio Bimbi, che ha dato ai più piccoli, mentre i genitori assistevano ai concerti, l’opportunità di vivere un’esperienza attiva con la musica guidati dagli operatori del Centro di Educazione Musicale Infantile.

sagramusicalemalatestiana.it

Aida a Capodanno

Nell’ambito de Il capodanno più lungo del Mondo la città di Rimini ha salutato l’arrivo del nuovo anno con l’opera lirica. Il 2018 è iniziato nella Sala dell’Anfiteatro del Palacongressi sulle note dell’Aida. Il celebre melodramma musicato da Giuseppe Verdi è stato allestito dall’associazione Coro Lirico città di Rimini Amintore Galli con il patrocinio e il contributo del Comune di Rimini. Due applaudite repliche sotto la regia di Paolo Panizza, con l’Orchestra Sinfonica G. Rossini di Pesaro e il Coro Lirico Amintore Galli.

A symphonic Rimini at the heart of the Conference Centre

Rimini as the international crossroads of classical music. Every summer, Sagra Musicale Malatestiana, one of the oldest and most prestigious Italian music festivals, welcomes great symphonic orchestras, prestigious directors and soloists, and promotes original projects mixing music and other arts.

The 68th edition of the event promoted by the Municipality of Rimini with the support of  Italian Exhibition Group met expectations offering a comprehensive and varied overview of the music world. At the heart of the festival, the cycle of symphonic concerts hosted between last August and September in the Sala della Piazza auditorium at the Rimini conference centre managed by IEG.

On the occasion of the cycle of concerts, Rimini hosted famous directors such as Yuri Temirkanov and Juraj Valčuha, prestigious orchestras such as the Academy of St Martin in the Fields and the Philharmonic of St. Petersburg, with famous soloists as Daniel Hope and Leticia Moreno.

Once again, the Palas confirmed its role as a versatile and cutting-edge location, with a fully equipped auditorium from a theatrical, acoustic and  functional standpoint, putting all its services at the disposal of organizers and music lovers.

error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi