Seleziona una pagina

A TTG Incontri per lanciare FICO, la grande Fabbrica Italiana Contadina, il patron della galassia Eataly indica come spingere la crescita del Paese. Fare sistema sulla grande attrattività dell’Italia puntando su valori positivi in contrasto apparente.

di Alessandro Caprio

Oscar Farinetti (foto Imagoeconomica).

Al TTG di Rimini per presentare la sua nuova, rivoluzionaria, idea per rilanciare le meraviglie italiche nel Mondo – FICO, la grande Fabbrica Italiana Contadina che ha aperto i battenti a Bologna lo scorso novembre – Oscar Farinetti ha le idee ben chiare su come sviluppare la prima industria del Belpaese.

A più di dieci anni dalla nascita di Eataly qual è la sua ricetta per creare lavoro?
È la vocazione italica. Chi nasce in Italia ha la fortuna di vivere nel Paese più bello del Mondo: 53 patrimoni Unesco, 70% del patrimonio artistico dell’umanità, la biodiversità e un agroalimentare straordinario. Delle 1.200 varietà di mele europee 1.000 sono in Italia. Dobbiamo puntare su queste vocazioni per raddoppiare i turisti stranieri e il volume delle esportazioni di cibo, moda e design. Questo possiamo farlo, perché esiste una domanda spontanea: siamo i primi in assoluto per desiderio turistico. Tutto il Mondo ci vuole, dobbiamo creare le infrastrutture e darci da fare”.

TTG, Sia Guest e Sun vanno in questa direzione?
È incredibile, oggi in fiera ho sentito parlare tutte le lingue del Mondo! E ho visto cinesi che vogliono venire in Italia a fare voli diretti… Abbiamo davanti una prateria sconfinata. Ma dobbiamo accoglierli bene e selezionare il tipo di turismo, perché l’offerta italiana deve essere di livello, con cibo e bevande di qualità, paesaggi straordinari, musei incredibili, mare fantastico. Questo è il futuro. Se i turisti raddoppiassero, varrebbero economicamente 300 miliardi di euro. Proprio una bella manovra finanziaria!”.

Lei parla spesso di teoria dei contrasti apparenti. Di che si tratta?
Mettere insieme valori positivi che però, ai più, appaiono contrastanti tra loro. Normalmente quando si vuole realizzare un grande progetto si mettono insieme molti valori positivi. Vogliamo fare un’auto fantastica? Mettiamo un motore straordinario, un design bellissimo, gomme, selleria…. Il bello è provare a inserire valori positivi che agli altri appaiono contrastanti, in questo modo crei qualcosa di unico. Per esempio i valori informalità e autorevolezza. Entrambi positivi, molti però pensano che vadano in direzioni opposte. Quindi cibi di alta qualità ma esposti in modo informale. Oppure autoironia e orgoglio. O ancora onestà e furbizia”.

Cosa rappresenta FICO all’interno di questa prospettiva?
Fico Eataly World è il più grande investimento mai realizzato in Italia, ma direi nel Mondo, sull’agroalimentare. Alle tre attività che normalmente svolge Eataly – integrazione di ristorazione, mercato e didattica – si aggiungono l’agricoltura e la fabbrica, la trasformazione. 10 ettari, 2 dedicati all’agricoltura, un luogo vero, 22 campi dove si coltiva e si raccoglie. Gli animali, le stalle aperte, 200 razze. All’interno 80mila mq con tutto l’agroalimentare italiano. 45 ristoranti tematici, 4 università operative, 12 aule, 1 teatro, 1 cinema, 1 centro congressi e 6 giostre. Un luogo dove richiamare milioni di turisti stranieri, e di italiani, e centinaia di migliaia di giovani e di bambini, italiani e stranieri, che possano aiutarsi a ragionare con la testa e col cuore”.

Chi è chi

Natale Oscar Farinetti frequenta la facoltà di Economia e Commercio a Torino per poi entrare nell’impresa di famiglia, Unieuro, che cede per fondare nel 2004 Eataly, galassia dell’enogastronomia d’eccellenza con sedi in tutta Italia e in Giappone, Stati Uniti, Danimarca, Brasile, Germania, Turchia, Emirati Arabi e Corea del Sud. Il nuovo concept Fico Eataly World nasce a Bologna.

eatalyworld.it

Oscar Farinetti. An Italian vocation

At Rimini’s TTG to present his new, revolutionary idea to relauch Italy’s marvels in the world – FICO, the great Fabbrica Italiana Contadina, which opened its doors last November — Oscar Farinetti has very clear in mind how to develop the leading industry in Italy.

More than ten years after the birth of Eataly, what is your solution to create jobs?
Our Italian vocation. Those who are born in Italy are lucky because they live in the most beautiful country in the world. Fifty-three world heritage sites, 70% of the world’s artistic heritage, biodiversity and an extraordinary agri-food production. Out of the 1,200 varieties of European apples, 1,000 are from Italy. We have to focus on these vocations to double the number of foreign tourists and the volume of food, fashion and design exports. This is something we can do because there is a spontaneous demand: we rank first among the tourist destinations most craved for. The whole world wants us, we have to create the necessary infrastructure and work hard”.

Do TTG, Sia Guest and Sun go in this direction?
It’s incredible, today at the expo centre I heard visitors speak all the languages in the world! And I saw Chinese airlines which want to come to Italy to provide direct flights… We have before us a boundless horizon”.

error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi