Seleziona una pagina

A livello globale nel primo semestre 2017 la quantità di oro utilizzato per la produzione di gioielleria è aumentata del 22% e i consumi del 15%. Nei primi 6 mesi dell’anno l’export italiano di gioielleria preziosa è cresciuto del 13% in valore.

Rilevanti indicatori economici positivi fotografano l’andamento del settore orafo-gioielliero italiano e internazionale. Un mercato sempre molto dinamico, come evidenziano le elaborazioni del Dipartimento Business Strategy di IEG SpA.

La domanda globale*
I primi 6 mesi del 2017 registrano segnali positivi per la gioielleria a livello globale. La quantità di oro per la produzione è infatti aumentata di +22% rispetto al medesimo periodo del 2016, raggiungendo le 1.076 tonnellate, mentre i consumi sono cresciuti di +15%, arrivando a 955 t. Il singolo secondo trimestre del 2017 ha evidenziato un incremento di +25% in termini di produzione e consumi, che in quantità raggiungono il valore più alto degli ultimi 3 anni.

La crescita è dovuta soprattutto alla forte ripresa della produzione e dei consumi in India, che nei primi 6 mesi 2017 registra un aumento della domanda di gioielleria in oro di +109% rispetto allo stesso periodo del 2016. Crescono anche i consumi negli USA (+6%), mentre nei restanti Paesi nella prima metà dell’anno la domanda è stabile o in calo (Cina -8%, Turchia -7%, Egitto -10%, Russia -1%).

Da segnalare che nel secondo trimestre 2017 negli Emirati Arabi Uniti la domanda di gioielleria in oro è aumentata di +6% rispetto allo stesso periodo nel 2016 (a fronte di una media complessiva dei primi 6 mesi di -1%). Criticità invece nel Regno Unito, probabilmente per effetto della Brexit: il mercato inglese evidenzia un calo dei consumi di -23% rispetto al primo semestre 2016.

Il mercato italiano**
Si stima che l’indice di fatturato del settore orafo-gioielliero italiano nei primi 5 mesi del 2017 sia cresciuto in media di +1,6% rispetto alla media del medesimo periodo del 2016. La media dell’indice di fatturato legato alla domanda nazionale è in calo di -6,3%, quella legato alla domanda estera cresce di +5,4%. Nei primi 5 mesi dell’anno è in aumento anche l’indice medio di produzione di +4,4%. Nel 2016 il fatturato del settore orafo Italiano è stato pari a circa 7,8 miliardi di euro, con un export di 6,2 miliardi.

Nei primi 6 mesi del 2017 le esportazioni italiane del settore gioielleria e bijoux sono cresciute di +12% in valore, arrivando a 3,4 miliardi di euro, e di +23% in quantità (2.600 tonnellate), rispetto ai primi 6 mesi del 2016. Per quanto riguarda l’export di gioielleria preziosa (soli gioielli in oro, argento e altri metalli preziosi), si è registrata una crescita di +13% in valore, che ha portato le esportazioni a superare i 3 miliardi di euro, mentre un calo di -2% in quantità (410 t).

Le principali destinazioni dell’export italiano di gioielleria sono la Svizzera, gli Emirati Arabi Uniti, Hong Kong e gli Stati Uniti. Nei primi 6 mesi del 2017 è aumentato l’export di gioielleria preziosa in valore verso Svizzera (+7%), Francia (+90%), Hong Kong (+14%), Stati Uniti (+21%), Turchia (+25%), Germania (+16%), Spagna (+21%), Sud Africa (+14%), Repubblica Dominicana (+23%), Romania (+9%).

La stragrande maggioranza dell’export orafo italiano proviene dai Distretti. Nei primi 6 mesi del 2017 il distretto di Vicenza ha esportato gioielleria e bijoux per un valore complessivo di 676 milioni di euro (+1%), Arezzo per 942 milioni (+5%), Alessandria per 1 miliardo di euro (+40%), Milano per 392 milioni (-5%).

* Fonte: GFMS, Thomson Reuters
** Fonte: Istat, Club degli Orafi, Servizio Studi e Ricerche di Intesa San Paolo

Gold and jewellery. An increasingly precious business

Relevant positive economic indicators provide a shapshot of current trends in the Italian and international gold art-jewellery sector. A strongly dynamic market by tradition, as shown by the data processed by the Business Strategy Department of IEG SpA.

The first half of 2017 proved positive for the jewellery sector at the global level. Gold production in fact increased by 22% compared with the same period in 2016, reaching 1,076 tons, while consumption grew by 15%, to 955 tons. The second quarter of 2017 alone showed a 25% increase in terms of production and consumption, whose quantity has reached the highest value in the past three years.

According to estimates, the turnover index of the Italian gold-jewellery sector in the first five months of 2017 increased on average by 1.6% compared with the average recorded for the same period in 2016. The average turnover index relating to domestic demand decreased by 6.3%, while the same index relating to foreign demand grew by 5.4%. The first five months of the year also saw the average production index grow by 4.4%.

In 2016, the Italian gold art sector’s turnover amounted to 7.8 billion EUR, while exports accounted for 6.2 billion.

error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi