Seleziona una pagina

Il Palacongressi di Rimini consolida il posizionamento internazionale ottenendo l’assegnazione della 47a edizione  del prestigioso simposio CinC Computing in Cardiology. A settembre 2020 ricercatori e specialisti da tutto il Mondo per esplorare le nuove frontiere della bioingegneria applicata alla cardiologia. La parola a Stefano Severi, ricercatore dell’Alma Mater di Bologna

di Carlo Bozzo

Il Palacongressi di Rimini

Un nuovo e importante appuntamento medico scientifico è in arrivo al Palacongressi di Rimini. Nel settembre del 2020 la città si trasformerà per 4 giorni in una Capitale mondiale di ricerca e innovazione nelle tecnologie biomediche dedicate all’organo per eccellenza del corpo umano: il cuore. La 47a edizione di CinC Computing in Cardiology porterà nel Centro Congressi del capoluogo della Riviera romagnola più di 400 tra bioingegneri, ricercatori, medici e specialisti di cardiologia di tutto il Mondo. CinC è, infatti, il forum annuale che vede incontrarsi scienziati e professionisti nel campo della medicina, fisica, ingegneria e informatica per discutere temi relativi a ricerca, innovazione e utilizzo delle tecnologie nel campo di cardiologia clinica e fisiologia cardiovascolare.

Il meeting tornerà in Italia a distanza di 12 anni dalla sua ultima tappa nel nostro Paese, a Bologna nel 2008. A presentare e organizzare la candidatura tricolore, assegnata a Rimini lo scorso mese di settembre a Vancouver, sono stati gli ingegneri e i ricercatori di Bioingegneria dell’Università Alma Mater di Bologna (Dipartimento di Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione “Guglielmo Marconi”) Stefano Severi e Cristiana Corsi, quest’ultima anche membro del Board Internazionale di CinC.

La caratteristica principale del meeting è quello di essere il luogo dove chi opera ricerca di base si confronta con chi deve trasformare in strumenti tecnologici i suoi risultati e con gli specialisti che li usano nella cura e nella prevenzione delle patologie del cuorespiega Stefano Severi –. È ormai prassi consolidata che tutti i soggetti operino in stretto collegamento, o in un unico team, e anche in Italia ci stiamo muovendo in questa direzione”.

La bioingegneria svolge il suo lavoro anche sul piano della ricerca di base, con l’obiettivo di aumentare le nostre conoscenze sull’apparato cardiacocontinua Severi -. Nel nostro laboratorio dell’Università di Bologna, presso la sede di Cesena, stiamo lavorando a un modello virtuale di cuore che ne riproduca le funzionalità. Potremmo osservarne il comportamento, le reazioni in condizioni di stress, l’insorgere di patologie. In particolare, vogliamo costruire un modello dei meccanismi di eccitazione e contrazione nei cardiomiociti in condizioni fisiologiche e patologiche. In questo modo acquisiremo informazioni essenziali sul piano della diagnostica, della prevenzione e della cura”.

Da rimarcare come questo tipo di ricerche abbiano ricadute su altri ambiti importanti come la telemedicina, la possibilità per i pazienti di effettuare controlli e monitoraggi senza recarsi in un presidio ospedaliero, o nell’utilizzo di dispositivi quali pacemaker oppure per la realizzazione di modelli computazionali utilizzabili a fini predittivi e di personalizzazione delle terapie.

Con questo nuovo appuntamento, appena entrato nel suo sempre più fitto programma di eventi e congressi di respiro internazionale, il Palacongressi consolida ulteriormente il suo positivo posizionamento nel settore dei meeting medico scientifici. Un risultato raggiunto grazie alla qualità della struttura e della sua dotazione tecnologica, professionalità e competenza dello staff, nuove politiche di marketing e promozione internazionale.

Il tutto senza dimenticare il ruolo del sistema territoriale e regionale, in grado di sostenere con efficacia la destinazione Rimini nei confronti di altri centri congressuali e di grandi città o Capitali di altre nazioni.

riminipalacongressi.it

THE PALAS AT THE HEART OF SCIENCE

The Rimini conference centre strengthens its international positioning by winning the bid to host the 47th edition of the prestigious CinC Computing in Cardiology symposium. In September 2020, researchers and specialists from around the world will convene to Rimini to explore the new frontiers of bioengineering applied to cardiology

By Carlo Bozzo

A new and important scientific event is coming to the Rimini conference centre. In September of 2020, for four days the city will turn into a world-level capital of research and innovation in the field of biomedical technologies applied to the organ par excellence in our body: the heart. The 47th edition of CinC Computing in Cardiology will bring to the conference centre of the Adriatic coast capital over 400 bioengineers, researchers, physicians and cardiologists coming from all over the world. CinC is, in fact, the annual forum where medicine, physics, engineering and computer science scientists and professionals meet to discuss issues related to research, innovation and the use of technology in the field of clinical cardiology and cardiovascular physiology.

en.riminipalacongressi.it/

error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi